Vi presentiamo la gestione della produzione e il metodo Kaizen per realizzare la lean production

La riduzione dei lead time con lo scheduling di produzione.

Alcuni anni fa, la nostra azienda ha introdotto l'MRP(Material Requirement Planning), il quale ha dato un grosso contribuito alla gestione della fabbrica. Ma recentemente, il capo fabbrica ci ha dato il compito di ridurre i lead time e stiamo valutando la computerizzazione dello scheduling di produzione(schedulazione a capacità limitata).

Sfruttare la funzione dello scheduling a capacità limitata della schedulazione di produzione.

Il limite di MRP

Il limite di MRP sta nel come inquadrare il lead time di produzione. In MRP, i tempi dei processi vengono mostrati con un lead time di produzione fisso. Per prima cosa, configuriamo dei dati semplici utilizzando lo scheduler di produzione.(Disegno1)

improve02_01.jpg
Disegno1-Registrazione di Dati Master per la schedulazione a capacità infinita. Il prodotto A è fatto da 2 processi di produzione, il processo 1 e il processo 2. Nel processo 1 viene utilizzata la macchina 1 per la lavorazione il suo lead time è di 24ore. nel processo 2,la macchina utilizzata è la macchina 2, con lead time di 24ore. Contemporaneamente viene registrato il prodotto B..

Aggiungiamo gli ordini e vediamo il risultato dello scheduling con diagramma di Gantt.(Disegno2)

improve02_02.jpg
Disegno2-Lead time della schedulazione a capacità infinita. Supponendo che la data di consegna del prodotto A sia il 10 Novembre, il processo 2 sarà eseguito il 9 Novembre con la macchina 2 e il processo 1 il 8 Novembre con la macchina 1. Quindi è sufficiente che i materiali per il prodotto A arrivino in fabbrica entro il 7 Novembre. In pratica, sottraendo da questa data il lead time per l'acquisto, si ottiene la data per far partire l'ordinazione dei materiali.

Poi mettiamo l'ordine del prodotto B con la stessa data di consegna, e vediamo il risultato aggiornato dello scheduling di produzione con diagramma di Gantt.(Disegno3) Anche per il prodotto B, effetua il conto alla rovescia del tempo  dalla data consegna con il lead time giornaliero della produzione.  

improve02_03.jpg
Disegno3-Lead time della schedulazione a capacità infinita(nel caso degli ordini multipli). Il risultato dello scheduling del prodotto B è uguale identico a quello del prodotto A come dimostra il Disegno3. Così vediamo che il processo 1 del prodotto A e del prodotto B possono essere eseguiti entro 24ore del 8 Novembre. Anche se la quantità degli ordini per la stessa data di consegna sia di 10pezzi o 20pezzi, non subisce cambiamenti.

Il punto che richiede particolare attenzione è che nonostante gli ordini siano numerosi, un ordine e l'altro non interferiscono a vicenda. Così MRP inquadra il lead time con unità vaga ed abbondante, come una giornata singola, ed esegue lo scheduling di produzione ignorando la capacità finita della funzione dei macchinari. Percui l'aumento e/o la diminuzione degli ordini non hanno nessuna conseguenza sul risultato dello scheduling di produzione, cioé sul lead time, e così si screa uno scheduling di produzione inattuabile. La funzione base di MRP è l'effetuare le ordinazioni delle materie prime in anticipo rispetto alla necessità facendo aumentare  la merce di magazzino. Questo viene chiamato in gergo tecnico ' schedulazione a capacità infinità.

Lo scheduling con capacità limitata

Per correggere questo difetto della schedulazione a capacità infinita, è necessaria una funzione chiamata ' schedulazione a capacità finita', che registra il tempo esatto della durata della lavorazione di un processo di fabbricazione e regola automaticamente il risultato dello scheduling di produzione, in modo che non oltrepassi le ore di funzionamento dei macchinari.

Ora, configuriamo dei dati per la schedulazione a capacità limitata.(Disegno4)

improve02_04.jpg
Disegno4 -Registrazione di Dati Master per la schedulazione a capacità limitata. Mettere i numeri esatti dei tempi di lavorazione nelle caselle. Il processo 1 del prodotto A utilizza la macchina 1 con 1 ora di lavorazione per ogni singolo pezzo(1hp). Configurare i tempi tra I processi, con la modalità di sovrapposizione e con il tempo sovrapposto.Tenere più di 60 minuti di intervallo (ES 60) fra la fine del processo 1 (End) e l'inizio del processo 2 (StArt)del prodotto A.

Vediamo il risultato dello scheduling di produzione con il diagramma di Gantt. (Disegno5)

improve02_05.jpg
Disegno5-Risultato della schedulazione a capacità limitata mostrato con diagramma di Gantt. Supponiamo che l'ordine per prodotto A è di 2 pezzi mentre per prodotto B è di 5 pezzi. I tempi di lavorazione per ogni processo viene multiplicato in base alla quantità, come per il processo 1 del prodotto B, che con 5 pezzi da lavorare, avrà la durata di 5 ore. E per 2 pezzi del prodotto A, il processo 1 durerà 2 ore. Inoltre, per quanto riguarda il processo 2, la lavorazione del prodotto A inizia dopo che quella del prodotto B sia finita. E ci sono 60 minuti diintervallo fra la fine del processo 1 del prodotto A e l'inizio del prodottoB.Così facendo, con la schedulazione a capacità limitata, diventa evidente l'ora esatta dell'inizio di un processo del prodotto A e del B, e di conseguenza, possiamo sapere anche l'ora esatta in cui servono i materiali necessari.

Facendo così, le barre del diagramma non sono più sovrapposte. La macchine 1 e 2 hanno solamente un lavoro da eseguire contemporaneamente. Il lead time del prodotto A è 2(processo di produzione 1)+1(ore sovrapposte)+2(il processo di produzione 2)=5 ore, risulta un  tempo molto inferiore rispetto al predecente. 

In realtà, ci sono numerosi fattori di limitazione in fabbrica che vengono a crearsi ad esempio: articoli, ordine dei processi produttivi, durata di ogni processo di produzione, calendari, preparativi, materiali, macchinari, personale, stampi, strumenti,  controllo dei volumi di stoccaggio intermedio ecc.La funzione base della schedulazione a capacità limitata è l'elaborarazione del risultato dello scheduling tenendo conto di tutti questi fattori contemporaneamente.

Mi è anche successo che l'utilizzo della schedulazione a capacità limitata abbia portato alla riduzione drastica del lead time di produzione, da 2 mesi a 2 settimane. L'addetto alla gestione della produzione diceva 'non ho il coraggio di informare il capo fabbrica, ho paura che mi dica; ma che cosa hai fatto fino  ad adesso?'. Questa non è di certo una situazione divertente. E anche in questa fabbrica, veniva utilizzato l'MRP(la schedulazione a capacità infinita) da diversi anni.

Come è dimostrato qui,effettuando lo scheduling della produzione con la schedulazione a capacità limitata, con i dati  più dettagliati e numerosi fattori di limitazione che sono presenti realmente in luogo di produzione, finalmente si possono sfruttare al massimo le risorse presenti e ridurre ulteriormente i lead time della produzione.

scrivere un commento

ricerca nel sito

Syndicate this site (XML)